La magia di trasformare un aroma in un’emozione

Gli oli essenziali agiscono sull’apparato olfattivo e sul sistema limbico, stimolando molte funzioni neurovegetative di un organismo animale:

  • Memoria e ricordi
  • Affettività
  • Emozioni
  • Organi e le loro funzioni

Recentissime ricerche confermano l’azione degli oli essenziali a livello del sistema nervoso, poichè influenzano in modo efficace e benefico le funzioni psichiche, il tono dell’umore e le emozioni.

Quando annusiamo un profumo o un’essenza, le molecole che li compongono entrano in contatto con la mucosa olfattiva, formata da cellule nervose, che trasformano il segnale olfattivo in impulso elettrico diretto verso l’ipotalamo con il coinvolgimento dell’amigdala, una struttura nervosa ritenuta sede di emozioni, ricordi e stati d’animo, in relazione proprio agli stimoli olfattivi.

Il sistema limbico è il nostro “cervello emotivo” e ne fanno parte: talamo, ipotalamo, ippocampo e amigdala. Riceve gli impulsi direttamente dai bulbi olfattivi, che qui risvegliano ricordi ed emozioni e vengono proiettati verso la corteccia cerebrale e verso i nuclei cellulari, i quali controllano numerose risposte neuro-vegetative del nostro organismo.

La corteccia cerebrale è la parte più esterna ed evoluta del cervello. Accoglie tutti i segnali che arrivano dall’esterno e dall’interno dell’organismo ed elabora le risposte che invia ai vari organi.

È la sede della coscienza.

Quando si utilizzano gli oli essenziali è bene seguire delle accortezze e delle precauzioni: infatti sono molto potenti e, se il loro utilizzo limitato alla lampada per aromi non ha praticamente controindicazioni, si deve comunque tenere presente l’effetto sulla psiche, che potrebbe essere indesiderato (per esempio l’olio di Elicriso, agisce così in profondità, che può far riemergere situazioni rimosse, a cui sono legate tristezza e angoscia).

Ci sono poi casi specifici in cui gli oli essenziali sono da evitare, proprio per la loro potenza nell’agire.

Ad esempio:

  • Sulla pelle direttamente senza un veicolo
  • In gravidanza almeno fino al quinto mese di gestazione
  • Nella prima infanzia fino ai sei anni è bene non usare oli come quello di Alloro, Anice, Cannella, Eucalipto, Rosmarino, …
  • Se si fa uso di preparati omeopatici, non vanno usati gli oli di Menta, Eucalipto e Canfora

Questo perché il termine “naturale” non deve essere tradotto con “innocuo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*